Secondo il prevalente orientamento giurisprudenziale, di legittimità e di merito, in caso di separazione tra coniugi, in presenza di figli minori deve comunque prevalere il principio dell’unità familiare.

La decisione nasce in seguito all’ordinanza emessa dal Tribunale di Trani, il quale aveva disposto l’affidamento esclusivo della figlia minore alla madre e dei due figli maggiori al padre.

Il provvedimento era poi stato reclamato da entrambi i genitori separatamente.

La Corte d’appello di Bari investita della questione osservava che nei procedimenti che vedono la presenza di minori è assolutamente necessario disporre l’audizione.

Nel caso di specie, dall’audizione dei tre fratelli era emerso che il padre costituiva per loro l’unico punto di riferimento.

Pertanto, la Corte disponeva l’affidamento di tutti e tre i figli al padre, ivi compresa quindi la figlia minore, con diritto di visita della madre, proprio per tutelare quanto più possibile il concetto di unità familiare.