UFFICIO COPIE TRIBUNALE CIVILE DI ROMA – iscritto al ruolo del Tar Lazio il ricorso presentato contro le misure organizzative per la limitazione degli accessi al servizio
Il Ricorso avverso i provvedimenti organizzativi dell’Ufficio Copie Sentenze del Tribunale Civile di Roma è stato iscritto al ruolo del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio con n. 11363/2020.

Dopo una campagna di adesione al ricorso, che ha visto coinvolti in prima linea i colleghi Raffaele Di Stefano, Pietro Di Tosto e Andrea Buonomo, oltre agli Avvocati Carmine Laurenzano e Patrizia Giusti, dello Studio Legale GIUSTI&LAURENZANO, è stato composto il primo gruppo di ricorrenti.

Lo Studio Legale GIUSTI&LAURENZANO aveva già provveduto a notificare il ricorso, prima di Natale, all’Avvocatura Generale dello Stato (domicilio ex lege del Ministero della Giustizia) al Tribunale Civile di Roma (articolazione del Ministero della Giustizia) e al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma, nella qualità di soggetto controinteressato a contraddire.

Presentato avverso le misure organizzative del Tribunale Civile di Roma, dell’ottobre e del novembre 2020, con le quali si costringeva gli avvocati e utenti del servizio ad assembramenti all’entrata del Tribunale stesso, con una limitatissima distribuzione di numeretti ampiamente insufficienti a soddisfare la richiesta di un tribunale che produce quasi 20 mila sentenze l’anno; si è presa inoltre posizione avverso la richiesta di giustificare motivi di urgenza e necessità per il rilascio delle copie esecutive (estratto del ricorso pubblicato in http://www.avvocatigiustilaurenzano.it/ufficio-copie-tribunale-di-roma-testo-ricorso-al-tar-g6l-avvocati/), con il ricorso gli Avvocati aderenti chiedono, di fatto, la disapplicazione di tali provvedimenti e sollecitano la sottoscrizione di protocolli con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma per il rilascio delle copie esecutive in via telematica, come già sta accadendo in altri tribunali (tra cui la Corte di Appello di Roma, con evidente paradosso della situazione degli Uffici Giudiziari della Capitale, la Corte di Appello di Milano, il Tribunale Civile e la Corte di Appello Civile di Torino, il Tribunale di Latina)

A tal fine lo Studio Legale GIUSTI&LAURENZANO ha sempre mantenuto contatti informali con il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma, Antonino Galletti e il Consigliere Alessandro Graziani, aggiornandoli sull’iniziativa e individuando, non a caso, proprio il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma il soggetto interlocutore controinteressato a contraddire nel ricorso, ricevendo peraltro rassicurazioni circa la posizione ad adiuvandum che il Consiglio assumerà nell’ambito del giudizio.

Nel frattempo, le novità normative danni ragione ai ricorrenti: l’art. 9 bis del D.L Ristori, come convertito il 18/12/2020 ha introdotto la norma sul rilascio delle copie esecutive in via telematica delle sentenze, recependo le istanze dei ricorrenti e quanto era stato raggiunto in via “convenzionale” da altri Uffici giudiziari.

Il Tribunale di Roma, pertanto, non potrà ora non adeguarsi, ma, considerato l’evidente lassismo con cui sono state gestite le esigenze della classe forense per tutto il periodo della pandemia, ragionevolmente temiamo il protrarsi della situazione, in assenza di indicazioni attuative, rendendosi pertanto necessaria l’iscrizione a ruolo del ricorso.

Per i colleghi che volessero aderire, con atto di intervento, si rimane a disposizione contattando direttamente lo Studio Legale GIUSTI&LAURENZANO a info@avvocatigiustilaurenzano.it